Il Comune di Brancaleone ha rinnovato con l’Associazione Pro Loco di Brancaleone APS il Protocollo d’Intesa finalizzato a promuovere l’attuazione di interventi coordinati attinenti la conservazione, il recupero e la valorizzazione del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus  

Un iter partito già nel giugno 2020 attraverso la Deliberazione Comunale del Commissario prefettizio Dott. ssa Isabella Giusto che a inteso rinnovare un piano di intesa, promozione e valorizzazione del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus che allo scadere del precedente protocollo d’intesa stipulato nel 2016 con l’Amministrazione Moio era ormai scaduto. 

Nella deliberazione si sono presi in esami, molteplici aspetti legati alle intenzioni e alle opere fino ad oggi espletate per la valorizzazione del sito Archeologico e del territorio, che ha visto la nostra Associazione protagonista di una grande opera di rigenerazione urbana di tutto il nucleo storico di Brancaleone vetus mediante il progetto denominato: Renaissance Brancaleone Vetus.

Dagli estratti della delibera si legge quanto segue;

Premesso che; è  intendimento di questa Amministrazione comunale perseguire la promozione, la programmazione e la realizzazione di iniziative ed attività culturali e sociali, di eventi celebrativi nonché  la  valorizzazione  del  territorio  sia  dal  punto  di  vista  del  patrimonio  culturale  che turistico/enogastronomico, anche attraverso la collaborazione con le Associazioni del territorio nonché il sostegno ed il coordinamento delle iniziative culturali promosse da Associazioni del territorio;

– I’ Associazione Pro Loco di Brancaleone è un’associazione senza scopo di lucro, iscritta all’Albo delle Associazioni Pro Loco e dei Consorzi della Città metropolitana di Reggio Calabria, aggiornato al 24.02.2020, che, tra l’altro, opera attivamente, attraverso i propri soci volontari, per favorire lo sviluppo turistico, culturale, ambientale, sociale, sportivo, storico, artistico del territorio nonché il miglioramento della vita dei suoi residenti ed ospiti, attivando ogni possibile  forma  di collaborazione con Enti pubblici e privati;

Rilevato che;  I’Associazione Pro Loco, che collabora già da anni, per conto di questa Amministrazione comunale, alla realizzazione e gestione di interventi culturali e di valorizzazione delle eccellenze del territorio, nell’ambito degli obiettivi programmatici  dell’ lstituzione, con reciproca soddisfazione per le competenze tecniche, culturali, organizzative e promozionali espresse, ha proposto, per il tramite del legale rappresentante, la condivisione di una proposta programmatica per la tutela, il recupero e la promozione del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus, mediante la sottoscrizione di un protocollo d’intesa volto a mettere in sinergia risorse umane e finanziarie;

Considerato che; lo strumento proposto è idoneo ad instaurare un rapporto di collaborazione per semplificare e agevolare l’attuazione di interventi coordinati attinenti alla conservazione, al recupero e della valorizzazione del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus al fine di perseguire gli obiettivi di uno sviluppo eco-sostenibile ed eco-compatibile per la promozione turistica ed economica del patrimonio storico e culturale del territorio, le iniziative previste nel protocollo di intesa  rientrano nelle attività di interesse  istituzionale  e della collettività, di valorizzazione culturale, turistica, commerciale, sociale e delle tradizioni del territorio attese dalla cittadinanza;

Ritenuto, anche nell’ottica di ottimizzare i servizi e l’utilizzo  delle risorse e di garantire il rispetto dei criteri di efficacia, efficienza ed economicità, di individuare, in via sussidiaria e di continuità con la positiva esperienza consolidatasi negli ultimi anni, I’ Associazione Pro Loco di Brancaleone quale soggetto co-promotore e co-gestore di  alcune importanti iniziative  finalizzate  alla conservazione, al recupero e alla valorizzazione del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus;

Visto l’allegato schema di Protocollo di Intesa tra il Comune a e la Pro Loco di Brancaleone, finalizzato a promuovere l’attuazione di interventi  coordinati  attinenti  la  conservazione,  il recupero e la valorizzazione del Parco  Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus al fine di perseguire gli obiettivi di uno sviluppo eco-sostenibile ed eco-compatibile per la promozione turistica ed economica del patrimonio storico e culturale di Brancaleone.

DELIBERA

DI APPROVARE lo schema di protocollo d’intesa con I’ Associazione Pro Loco di Brancaleone che, allegato alla presente, ne costituisce parte integrante e sostanziale, finalizzato a promuovere l’attuazione di interventi coordinati attinenti la conservazione, il recupero e la valorizzazione del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus, al fine di perseguire gli obiettivi di uno sviluppo eco-sostenibile ed eco-compatibile per la promozione turistica ed economica del patrimonio storico e culturale di Brancaleone.


Protocollo d’intesa tra Comune di Brancaleone Pro Loco di Brancaleone APS p
er la gestione e lattuazione di attività di recupero, fruibilità e promozione turistica del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus, delle sue risorse storico,culturali e nellambito del progetto denominato: Renaissance Brancaleone vetusDopo l’insediamento della nuova giunta Comunale avvenuta nel Settembre 2020, e dopo una lunga serie di adempimenti burocratici la firma del protocollo d’Intesa fra Comune e Pro Loco si è ufficialmente rinnovata con la sottoscrizione del Sindaco Dott. Silvestro Garoffolo e del Presidente della Pro Loco Carmine Verduci che rende noto e pubblico l’atto e gli l’indirizzi stipulati fra le parti, che vedrà per i prossimi quattro anni la Pro Loco attraverso l’opera volontaria e gratuita,  impegnata come prima e più di prima negli adempimenti di quanto stipulato.

CONSULTA QUI LA DELIBERA  Delib.CP_n.42-2020

 

PREMESSO CHE; l’Associazione Pro-Loco di Brancaleone ha tra le preminenti finalità istituzionali:

1- La realizzazione di opportune forme di collaborazione tra Enti ed Organi che concorrono alla programmazione e attuazione di interventi di promozione del territorio in ogni suo aspetto;

2- Lo studio e la realizzazione di progetti e servizi attinenti a detta promozione;

3- La realizzazione di attività di formazione e aggregazione sociale, anche su basi regionali, provinciali e comunitarie;

4- Potenziare il turismo e la cultura in armonia con gli ordinamenti della Regione Calabria;

5- La promozione e la tutela dell’ambiente, dei beni storico-culturali legati al turismo, anche sociale e scolastico;

6- Il recupero dei luoghi di interesse storico,archeologico e culturale.

Che; la comune collaborazione definita negli articoli seguenti ha notevole interesse pubblico, avendo il fine ultimo di valorizzare e rendere fruibile il patrimonio storico e culturale del Comune di Brancaleone.

Che; l’azione di cui sopra va principalmente finalizzata ad attrarre l’attenzione sia della popolazione locale e sia turistica, sui valori culturali e ambientali e sulla necessità di conservare tali valori e di farne oggetto di programmi educativi, soprattutto attraverso la realizzazione di progetti mirati alla salvaguardia dei centri storici.

Che; con la firma del presente protocollo l’Amministrazione Comunale di Brancaleone e l’Associazione Pro Loco di Brancaleone aps  intende proseguire il proprio ruolo Istituzionale con l’intento di tutelare, valorizzare e rilanciare il Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus caratterizzato da importanti peculiarità storico, archeologiche ed ambientali.

Che; il sito di Brancaleone Vetus, rientra fra i beni ricadenti e posti sotto tutela da parte del Comune di Brancaleone e dalla Soprintendenza dei Beni Archeologici e Paesaggistici della Regione Calabria.

Che; l’area interessata, ha un interesse turistico favorito da: testimonianze storiche e religiose, come le grotte-chiese, i silos granai e i ruderi del castello e dell’abitato della vecchia Brancaleone, con annessa la ex chiesa Maria SS. Annunziata restaurata nel 2008 e adibita a sala conferenze e Centro documentazioni inaugurato nell’anno 2019 dalla Pro Loco.

Che; il parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus possiede notevoli elementi di carattere storico-culturale, paesaggistico e ambientale che hanno portato al riconoscimento e all’ Istituzione del “Parco Archeologico Urbano Brancaleone Vetus” inserito nell’ atlante dei beni culturali della Calabria nonché sulla rete degli Archeo-Comuni di qualità, e già sito di interesse paesaggistico.

Che; l’antico abitato di Brancaleone Vetus ha caratteristiche geo-morfologiche tra le più singolari del territorio Calabrese data dalle stratificazioni Mioceniche che vengono poste come oggetto di studio da numerose Università Calabresi.

Che; l’unicità delle chiese-grotte presenti e in particolar modo della grotta conosciuta sotto l’appellativo di Albero della vita è fra le più singolari ed interessanti di tutta la Calabria, la quale custodisce antichissimi graffiti di notevole importanza storica.

Che; le caratteristiche del borgo medievale di Brancaleone Vetus, non sono state intaccate dalla modernità dei fabbricati in cemento e calcestruzzo, per cui conserva ancora oggi le strutture originarie senza fenomeni di deturpamento paesaggistico ed architettonico.

Tenuto conto delle premesse sopra citate;

E’  intenzione dei soggetti firmatari, la definizione di azioni a tutela e valorizzazione del “Parco Archeologico di Brancaleone Vetus”, al fine di conservarne e custodirne tutte quelle peculiarità sopra descritte, favorendo un rilancio sistematico del bene nel futuro e per la comunità di Brancaleone.

Le premesse sono parte integrante e sostanziali del presente Protocollo dintesa, si conviene e si stipula quanto di seguito;

ART. 1 OGGETTO E FINALITÀ

L’ oggetto del presente protocollo è la condivisione di una proposta programmatica per la tutela, il recupero e la promozione del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus da parte dei soggetti firmatari mettendo in sinergia risorse umane e finanziarie a disposizione.

Le parti ritengono in questo modo, di poter instaurare un rapporto di collaborazione per semplificare e agevolare l’attuazione di interventi coordinati attinenti  alla conservazione, al recupero e della valorizzazione del Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus al fine di perseguire gli obbiettivi di uno sviluppo eco-sostenibile ed eco-compatibile per la promozione turistica ed economica del patrimonio storico e culturale della nostra cittadina.

I soggetti firmatari condividono in particolare, i seguenti obiettivi generali e specifici;

 ART. 2- OBIETTIVI GENERALI: 

1- Salvaguardare il Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus da: inquinamento, erosione, rischio idrogeologico ed altre fonti di inquinamento, essendo queste in contrasto con l’idea di sviluppo eco-sostenibile, esposta nei punti successivi. 

2- Creare un’area protetta e di interesse comunitario al fine di tutelare e valorizzare l’enorme patrimonio storico-archeologico e rurale del Parco, mediante azioni in grado di supportare tali obbiettivi.                                                                                                                                 

3- Creare un sistema integrato e coordinato per l’individuazione, la pianificazione, l’organizzazione e la gestione di progetti finalizzati alla promozione turistica, culturale e ambientale dell’area archeologica. 

4- Coinvolgere diversi attori pubblici e privati, sia a livello locale ma anche regionale, interregionale, Nazionale ed Internazionale, per garantire prospettive di crescita socio-economica con ricadute positive sull’ intera popolazione residente.

5- Rendere turisticamente più attraente il Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus, con l’istituzione di idonea cartellonistica, ritracciatura e conservazione di percorsi e sentieri sicuri per consentire la fruizione al pubblico di scolaresche e gruppi turistici che intendono visitare Brancaleone Vetus.

6- Promuovere studi sulla biodiversità al fine di allargare i perimetri del sito di interesse anche alle aree limitrofe, come l’antica fonte di Lìcari (in loc. Cardùsi) e l’altopiano di Campolico.

7- Incrementare tutte quelle potenzialità ricreative e produttive dell’area in questione, attraverso la valorizzazione di quegli elementi che possono fungere da attrattore turistico.

8- Incentivare la realizzazione di studi scientifici per allargare i perimetri di interesse archeologico e geologico dell’area ricadente nel perimetro del Parco Archeologico Urbano.

9- Incentivare e sostenere dei piani di intervento di restauro conservativo mediante progetti e campi-laboratorio di volontariato o il mediante il coinvolgimento di associazioni che hanno come finalità le caratteristiche affini agli obbiettivi comuni.

10- Sviluppare il turismo culturale e religioso con la creazione di “percorsi della fede” in relazione alla presenza di diversi siti di interesse religioso, rappresentata dall’ esistenza di un’antica grotta conosciuta con l’appellativo di “Grotta della Madonna del Riposo,che conserva al suo interno affreschi seicenteschi.

11- Promuovere il turismo rurale mediante piani di incentivazione turistica condivisi tra i diversi soggetti pubblici e privati del territorio, anche attraverso il potenziamento dei servizi offerti dal territorio, come trekking, safari, servizi navette e organizzazione di pacchetti turistici che comprendono e coinvolgano i siti di interesse storico e culturale ricadenti sui suoli di competenza dei comuni limitrofi. 

12-Pubblicizzare itinerari naturalistici in grado di valorizzare anche le eccellenze gastronomiche dell’area di Brancaleone.

13- Realizzare itinerari eno-gastronomici in grado di rilanciare la produzione del settore agroalimentare locale, anche al fine di incentivarne la commercializzazione. 

14- Sostenere l’organizzazione di eventi e manifestazioni in grado di destagionalizzare il flusso turistico.

15- Salvaguardare le componenti ambientali fondamentali (acqua, aria, suolo e sottosuolo) partendo anche dalla verifica periodica delle loro condizioni, con particolare riferimento al patrimonio biologico e geologico, interessato da fenomeni naturali che possono modificare il naturale assetto naturale dei luoghi.

 ART. 2 ATTUAZIONE E STRUMENTI OPERATIVI

Il presente Protocollo d’intesa costituisce per i soggetti firmatari, il riferimento programmatico per l’attuazione coordinata degli obiettivi di cui al precedente art. 1.

A tal fine, i sottoscrittori, prevedono la realizzazione dei seguenti strumenti operativi:

  1. A) L’affidamento di uno studio delle eccellenze ambientali presenti nel territorio di Brancaleone, con particolare attenzione alla biodiversità che caratterizza l’area in oggetto.
  2. B) Una valutazione d’incidenza che alcune attività antropiche, come un’eventuale urbanizzazione, potrebbero avere sui delicati equilibri ambientali dell’area in oggetto.
  3. C) La stesura di una carta per la tutela del paesaggio, ovvero la definizione di un insieme di obiettivi di qualità condivisi dall’ Amministrazione Comunale di Brancaleone e le Associazioni partner, che può fungere come strumento di sensibilizzazione collettiva della popolazione residente.
  4. D) La definizione di azioni di promozione per la valorizzazione di prodotti tipici locali, in sinergia con gli operatori delle varie categorie economiche e commerciali interessate
  5. E) La realizzazione di itinerari culturali per la valorizzazione dei beni e dei siti di interesse storico e culturali, con azioni tese alla loro conservazione e alla loro rivitalizzazione, in un’ottica di ampio coinvolgimento delle Associazioni del territorio, dei privati, siano essi enti religiosi, siano essi Associazioni culturali o altro con le stesse finalità ed obbiettivi.
  6. F) Organizzazione di: convegni, seminari, incontri tematici, concorsi fotografici ed artistici, letterari e giornalistici, nonché visite guidate anche nei musei e nei siti di interesse all’ interno del territorio comunale.

 ART. 3 – DURATA

1- Il presente protocollo di intesa ha durata quadriennale a partire dalla data della sua sottoscrizione ed è rinnovabile con atto espresso da ambo le parti.

2- La sua cessazione, in particolare, può essere richiesta nel caso in cui vengano avviate iniziative non coerenti con gli impegni assunti nel presente atto o anche per unanime volontà degli soggetti firmatari.

3- Resta salva la facoltà, per ciascun sottoscrittore, di recedere, in qualunque momento, dalla presente intesa, previa motivata comunicazione.

ART.4 –  MODIFICHE O INTEGRAZIONI

1- Il presente Protocollo d’Intesa è aperto alla firma e all’ adesione di altri soggetti pubblici e privati che ne condividono i contenuti e si impegnino alla la loro attuazione.

2- Può altresì essere modificato o integrato in qualsiasi momento, per concorde volontà dei soggetti sottoscrittori.

 ART. 5 TRATTAMENTO DATI PERSONALI

Le parti acconsentono a che i dati personali forniti, o comunque raccolti in conseguenza e nel corso dell’attuazione dell’esecuzione del presente Protocollo d’Intesa, vengano trattati esclusivamente per il raggiungimento delle finalità ivi previste, in conformità al D.lgs. nr.196/2003. Civate, 22 aprile 2011

PROTOCOLLO D’INTESA CONSULTABILE QUI

 

Ringraziamenti e dichiarazioni del Presidente:

La Pro Loco intende ringraziare l’Amministrazione Comunale di Brancaleone, in particolare il Sindaco Silvestro Garoffolo che con grande entusiasmo guarda alla nostra opera di volontariato come una grande sfida per il rilancio turistico del nostro patrimonio storico,archeologico e paesaggistico, temi che sin dalla nostra nuova ricostituzione ci hanno traghettato verso nuove frontiere e nuovi stimoli che ci vengono dati grazie all’impegno proficuo dei nostri soci volontari e cittadinanza, che guarda alle azioni intraprese per la rigenerazione urbana di Brancaleone Vetus, e non solo, come una grande sfida all’incombente degrado naturale delle opere murarie che costituiscono il nostro più grande patrimonio storico e culturale. Un grazie anche alla Segretaria Comunale Dott.ssa Elisabetta Luisa Maria, la Sign. Anna Valastro, l’Ufficio Tecnico del Comune e la dipendente Comunale Sig. Caterina Giannotta per aver seguito tutto l’iter per la stipula del protocollo.

Il nostro impegno sarà come prima e più di prima incentrato sulla gestione, manutenzione e vigilanza di questo luogo, che ad oggi rappresenta uno dei modelli di gestione eco-sostenibile di un borgo abbandonato ma fruibile tutto l’anno e aperto a tutti con la possibilità di poter usufruire dei nostri servizi di accompagnamento e assistenza per gruppi organizzati, scuole di primo, secondo e terzo grado, studiosi, ricercatori, artisti, autori, TV Nazionali, Internazionali e locali. 

In questi anni siamo riusciti con le nostre forze e grazie all’aiuto economico delle persone che hanno contribuito volontariamente ad invertire il trend turistico di Brancaleone Vetus e Marina, cogliendo l’attenzione dei Media locali e nazionali, Studenti e Ricercatori, artisti e blogger che ci hanno dedicato servizi televisivi e molte pagine. Tutto questo ha creato un interesse sempre maggiore sulle nostre attività che coinvolgono a largo raggio tutto il comprensorio Brancaleonese, mettendo in relazione e promuovendo anche i borghi del circondario.

Siamo certi che la strada da perseguire sia lunga e tortuosa, fatta di fatica, delusioni e conquiste, ma sarà grazie all’impegno comune che ogni ostacolo verrà superato con fa forza della determinazione che deve in qualche modo coinvolgere tutti i nostri concittadini e soprattutto i giovani che si accostano al mondo del volontariato.

Brancaleone Vetus rappresenta per noi, una missione per la quale siamo aperti ad ogni confronto ed ogni collaborazione con Enti e Società pubbliche e/o private che vorranno contribuire fattivamente allo sviluppo di nuove pratiche di sviluppo turistico, di conservazione e valorizzazione del patrimonio storico ed archeologico. In un’area a forte vocazione turistica che vuole crescere anche sul piano della destagionalizzazione turistica, imponendosi sul panorama turistico-commerciale come “porta di accesso” ai borghi interni del circondario (Staiti, Bruzzano Zeffirio e Ferruzzano) inseriti all’interno di importanti programmi di promozione e valorizzazione da parte degli Enti Comunali e delle Associazioni locali.

L’auspicio è quello di cooperare su linee condivise e condivisibili, per il bene e la conservazione del Patrimonio storico, archeologico e naturalistico che ci vedrà impegnati nel proporre e nello sposare strategie sinergiche, in grado di produrre ricadute positive per le nostre piccole comunità, non più intese come singole entità territoriali, ma aperte alle nuove frontiere turistiche del futuro, nell’unità degli intenti e nella consapevolezza di possedere un territorio capace di attrarre anche il turismo estero anche nei mesi autunnali e primaverili, proponendo una serie di esperienze uniche in grado di allargare la platea dei visitatori anche d’oltralpe.

 

 

 

Commenti

commenti