La Pro Loco di Brancaleone nacque nel lontano 1977, da un’iniziativa di alcuni giovani ed altri meno giovani, con l’intento di cambiare profondamente la mentalità del luogo e sviluppare quel turismo che aveva già potenziato le sue radici fin dal 1975. Ebbe, dunque, una maturazione che durò due anni. A quel tempo Brancaleone stava all’ apice del turismo in Calabria e veniva quasi subito dopo Tropea. Basta pensare che il flusso turistico variava da 4000 a 6000 turisti l’anno. In particolare nel periodo estivo il paese raggiungeva tranquillamente i novemila abitanti. Bisognava dare, dunque, una coordinazione, un’organizzazione alle permanenze estive. I Soci fondatori della Pro Loco furono sessanta. Fu eletto primo Presidente il dottore Mario Musitano che diede un avvio pieno di grandi speranze. Rimase in carica tre anni. Poi nel 1980 fu sostituito da Antonio Scammacca (GAZZETTA DEL SUD) che fondò “IL GAZZETTINO DI BRANCALEONE” il quale riscosse da subito un larghissimo successo.

Nel 1984 venne eletto il Sig. Angelo Monoriti che istituì il premio di narrativa dedicato al preside Antonio Mutti ed organizzò una serie di iniziative, come, ad esempio, “IL PREMIO CITTA’ DI BRANCALEONE”.

Poi, per un certo numero di anni la Pro Loco scomparve e ritornò alla superficie per l’impegno di Totò Mediati solo alla fine degli Anni Novanta e lo stesso Totò fu eletto quarto Presidente.

Nel 2011, dopo quasi sette anni, la Pro Loco di Brancaleone è stata rifondata ed ha visto eletto il quinto Presidente,Carmine Verduci che, fra l’altro, con i suoi 27 anni, è il più giovane Presidente nella storia di questa Associazione.

(Giuseppe Fava)

1962066_818726374850334_7223503449782836858_o

Foto: Carlo Fiumanò

Letto 1.904 volte