Continua il ciclo di appuntamenti che propone l’Osservatorio O.T.A. a cui ha aderito la nostra associazione insieme ad altre 22 associazioni del basso jonio reggino,

tematiche che affrontano i vari problemi legati all’inquinamento, l’osservatorio so propone di essere un organismo capace di intraprendere un percorso di sensibilizzazione e affiancamenti agi organi,enti e istituzioni competenti, al fine di incentivare un sano rispetto per l’ambiente, prevenendo così i disastri ambientali.

Nella giornata di Sabato 16 Maggio 2015 l’osservatorio ha organizzato questo incontro con istituzioni e cittadini per trattare il problema dei mezzi per contrastare i reati ambientali.

Tematiche che oggigiorno assumono una valenza davvero importante, visto i molti casi di tumore registrati e cresciuti a dismisura negli ultimi decenni, che non fanno altro che accrescere l’attenzione dell’opinione pubblica su queste tematiche essenziali per costruire un mondo più pulito.

Per fare questo, c’è bisogno di una sinergia strategica da parte di associazioni come la nostra, affiancata da cittadini, enti istituzioni, capace di contrastare ogni forma di pericolo per la salute pubblica.

Purtroppo ancora oggi l’argomento è molto scottante, e mette davvero paura, specie in quelle realtà dove da decenni tutto è stato affrontato con leggerezza, e tutto è stato nascosto anche da una grave forma di omertà, che ha portato la nostra terra a soffrire di un grave male: “Cancro, malattie rare e gravi incidenze tumorali che non ci fanno ben sperare ad un futuro.

L’O.T.A. nasce grazie all’apprensione verso la nostra terra, che se ben poco industrializzata da sempre vive un dramma nascosto, celato spesso sotto terra, e sotto una burocrazia fatta di rimpalli di responsabilità, che hanno creato, e stanno creando un disagio spaventoso alle generazioni attuali, ma anche a quelle che verranno.

l’INVITO QUINDI è RIVOLTO A TUTTI QUEGLI ORGANI COMPETENTI, affinchè non si faccia ulteriore scempio della nostra terra natia, e che ci si adoperi all’unisono alla salvaguardia e tutela di un patrimonio inestimabile come il nostro!

La salute prima di tutto! (usiamo dire generalmente, e quotidianamente) ed è appunto questo l’argomento a cui guarda speranzosa la nuova generazione, che ha capito dagli errori del passato e vuole quantomeno contribuire ad un risanamento ideologico, che possa arginare ogni orribile pratica di abusivismo,inquinamento e illecito ambientale.

Sappiamo tutti che oggi spesso sentiamo parlare di legalità, ed è appunto da qui che bisogna partire, da una concezione di legalità, che obbliga l’individuo a comportarsi come “esempio di legalità” che è pronto con la sua stessa coscienza, ad operare nella collettività per l’interesse pubblico e per la salvaguardia del patrimonio ambientale,faunistico,e marittimo.

Siamo coscienti che l’unione fa la forza, e che l’intento di creare forme di legalità basate sul principio del bene comune e della salute, sia la strada da seguire, per parlare di un rilancio territoriale sano,pulito,e lontano dalle logiche innate dell’abusivismo, di qualsivoglia specie e tipologia.

Nella giornata di sabato, alte personalità del settore forestale e giuridico affronteranno temi che si propongono di dare chiarezza alla cittadinanza di tutto il territorio e che promettono di continuare ad affrontare tematiche che possano apportare seri contributi per la collettività.

Tutti siete invitati a partecipare!

Commenti

commenti